Cerca nel blog

OPEN TO EVERYONE BUT...

1) Do not share links: from now, every link is tracked so if a link would be sharing, the IP address is shown by me and I will banned who share link.

2) Requests 5 links in one day if they are not shown here only to bootlegging.elvis@gmail.com

3) DO NOT ASK RELEASES IF THEY AREN'T IN MY BLOG.


mercoledì 25 febbraio 2015

FADED LOVE


ANNO DI PUBBLICAZIONE: giugno 2010.
LABEL: Straight Arrow (SA/SP 2010-01.02).
AUDIO: ****
NOTE: originariamente pubblicato nel 1992 in “Las Vegas Dinner Show” dalla TCB Records, questa audience recording a cura della “Straight Arrow” è particolare per il suo ottimo sound in quanto la registrazione venne eseguita tramite un registratore portatile Sony del 1972 equipaggiato con microfoni che furono piazzati sui posti della balconata della sala oltre il mixer del tecnico del suono Bill Porter.
Di solito queste cassette erano chiamate “booth recordings” e spesso venivano adoperate per mixare le registrazioni multitraccia al fine di ottenere un suono più profondo.
Elvis aveva l’influenza e si esibì contro il parere del medico. Non ci fu il midnight show quella sera. Inizò con difficoltà ma dopo sette canzoni chiamò gli Stamps Quartet per cantare un paio di Gospels e lasciò il palcoscenico.
Durante quei momenti, Charlie Hodge, davvero professionale come sempre, presentò ogni brano aggiungendo qualche battuta scherzosa.
Elvis ritornò dopo 30 minuti scusandosi per i problemi alla voce. Terminò con “Can’t help falling in love” e stava lasciando il palco quando pensò che ciò avrebbe deluso i fans. Con grande sorpresa del pubblico, continuò lo spettacolo e addirittura eseguì delle canzoni davveo rare dal vivo.
“Faded love” è la primissima esecuzione live di questa canzone mentre il triste pezzo Country “I’m so lonesome I could cry” è cantato per l’ultima volta sul palco.
“Polk salad Annie” venne eseguita solo un paio di volte nel 1973.
Durante “An American trilogy” Elvis cambiò il testo in “Oh I wish I was in the doctor’s office” ["Oh, vorrei essere nella stanza del medico..."].
Alla fine “Can’t help falling in love” fu cantata per la seconda volta rendendo questo spettacolo ancora più speciale.
Dimenticavo: il CD è in una confezione digipack davvero bella.


CANZONI: dal vivo a Las Vegas, Nevada. 15 febbraio 1973. Dinner show.
Intro/Also Sprach Zarathustra/See See Rider
I Got A Woman/Amen
Love Me Tender
You Don’t Have To Say You Love Me
Steamroller Blues
You Gave me A Mountain
Fever
[Elvis lascia il palco]
Walk That Lonesome Road [J.D. Summer & The Stamps]
Sweet Sweet Spirit [The Stamps]
When It’s My Time [Bill Baze & The Stamps]
How Great Thou Art [Donnie Summer & The Stamps]
I Should Have Been [Ed Enoch & The Stamps]
Can’t Help Falling In Love #1
Faded Love
I’m So Lonesome I Could Cry
Polk Salad Annie
An American Trilogy
Can’t Help Falling In Love #2

Closing Vamp/Announcement
After show comments




Richiedere il link a...
Request link to...
bootlegging.elvis@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento